dopo Sangue di cane

“(…)A Milano dovevi sbatterti. Distanze crudeli per un bevitore. Al Giambellino avevi i tuoi traffici da ricetta. Non eri mai caduto così in basso. Tu un ricetta. Meglio che lavare il culo a un vecchio, biascicavi al telefono(…)Il Giambe lo chiamavano i suoi frequentatori, eri abituato a certe retrovie, ma appena potevi tornavi ai giardini di Porta Venezia dove ritrovavi i voli delle colombe che seguivano la scia del pane, alzandosi  come una splendida diafana raggiera. (…)”.

Copyright © Veronica Tomassini. Tutti i  diritti riservati trattati da Vicki Satlow Literary Agency,  Milano

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s