non prendetemi sul serio

Così senza metterlo nel conto: lui. Non ci siamo mai incontrati veramente, vi lascio immaginare che razza di proiezioni virtuali realizzai in un lasso brevissimo, investendo quest’uomo – che appunto non ho mai conosciuto veramente – di una responsabilità immensa, tradurre un bisogno spaventoso di alchimia, di adrenalina, forse anche d’amore. L’unica cosa che ho capito di lui era il fatto che fosse intelligente, colto, bello (sì, certo, lo ammetto). Nell’economia del tutto con me al limite avrebbe esercitato le sue ossessioni. Eppure sembrava di nuovo tutto possibile, cominciai a scrivere cose del tipo: pioggia di fiori blu e amenità simili. Una scema, ecco tutto.

Però non prendetemi sul serio

Advertisements