my blood

Sono uscita dal Santuario stringendomi la giacca al seno. Mi sembrava di aver raggiunto un breve passaggio di tregua. E questi passaggi li conto. Sono pochi, durano poco voglio dire, ma devo accontentarmi e pensare di utilizzarne i vantaggi per quel secondo che possono valere. Ho imparato a organizzarmi al momento, non guardando indietro né avanti. Quando lo faccio, soffro moltissimo. Non voglio il sostegno di ex. No. Sto peggio, l’ho realizzato stanotte, non riuscivo a dormire. Non è un aiuto, è una proiezione o semplicemente mi prendo in giro da sola. Non può fare nulla quell’uomo, non più. La sensazione che guadagno – quando cado nella trappola di affidarmi a cose passate, fino a non averne più paura – è la desolazione di una periferia, la polvere e il deserto di una periferia. Il passato è una periferia morale, in definitiva. Il futuro non lo so. Il futuro era lo scrittore. Avevo trovato il mio amore maturo. Come la ribelle Jo di Piccole Donne. Ero felice, ero sicura. No forse sicura no, trepidavo, come accade quando si ama qualcuno. E lui era diventato mio padre, mia madre, le mie radici, radici che non ho. You re my blood. Già.

Ieri sopra i tetti della città svettava una stella enorme. E’ la mia, ho pensato. Stringevo la giacca al seno e guardavo la stella enorme, emanava una luce a raggiera, mi sembrava un presagio, mi sembrava di poter leggere l’auspicio per esistere in qualche modo ancora.

Stanotte non sono riuscita a dormire. Pensavo al mio scrittore, alla sua calma, al suo dolore.  Poi pensavo a lui che voleva aiutarmi e lo fa mentre dorme con un’altra donna. Non voglio impazzire. No.

Gesù ha stretto la mano della donna febbricitante in casa di Simone. La donna è risorta. Ho pregato Gesù di prendere la mia mano, di ricondurmi alla vita, a una vita nuova, nella luce. Stamattina mi sono svegliata nel solito abisso. Non riuscivo ad alzarmi. Ho assunto il farmaco. Mio padre mi ha abbracciato. Piangevo come una bambina. Mio padre mi ha detto: tu lo sei. Coraggio, mi ha detto.

You re my blood.

Advertisements