uno molto centrato

Sarà interessante verificare come fra qualche tempo rielaborerò questo strano anno che ha millantato cambiamenti, ma non ha mantenuto le promesse. Oggi ho letto (casualmente? credete al caso? ancora?) un pezzo su D Repubblica intorno agli uomini che spariscono, firmato da Veronica Mazza. Un’intervista abbastanza illuminante ad una psicoterapeuta che di fatto rende l’avvenimento (l’abbandono o sparizione nello spazio d’un mattino) miserrima procedura di immaturi: lui, il soggetto che sparisce, semplicemente, è uno molto centrato su di sé; non è stato rapito dagli alieni, no. Neanche avessi raccontato alla mia omonima gli ultimi beceri fatti della mia vita sentimentale. Adesso capisco ancora meglio. Non è un passo in più verso la salvezza. La mia salvezza è solo la preghiera. Nient’altro.

Percorro in macchina la strada verso casa. Si allungano i poderi ai fianchi della carreggiata, vecchi casolari dove i contadini vendono ortaggi e uova fresche. Ogni tanto noto un anziano chino a raccogliere erbe o ripulire il cortile con gli animali. Per anni ho immaginato la mia vita da adulta, finite le ansie da prestazione (cioè le varie ambizioni), in un luogo del genere. Una casina, l’orto, il mio compagno (per anni, ho immaginato mio marito ovviamente). Non temevo l’età, non avrei temuto il cambiamento, il destino di tutti. Non ho risolto definitivamente la “pratica” del mio matrimonio naufragato. Adesso poi non è nemmeno il momento giusto, vivo in una spaventosa confusione e per questo faccio un sacco di cavolate. Sono una presenza ingombrante fra il mio ex marito e la sua nuova compagna. A causa mia, forse non riescono a trovare la tranquillità. Non so cosa fare. Mi spiace moltissimo. Esisto. Mi son sentita dire per ben due volte che sono una manipolatrice, da due persone diverse. Nelle questioni sentimentali, intendevano. Non lo sono. Non so, non me ne accorgo allora. Sono una che vuole sopravvivere sempre.

A quel signore che ieri mi ha esortato a sorridere: lo faccio, sorrido.

Advertisements

2 thoughts on “uno molto centrato

  1. marina bisogno (@acolpidipenna)

    Tu non fai che dirmi che il sereno segue la tempesta e che ogni cosa ha il suo tempo. Credici un poco pure tu. Io sto iniziando a farlo.

Comments are closed.