il problema sono io

Ho in testa le parole della psichiatra. Deduco che il problema sono io, metto in atto esattamente le stesse trappole dove rovino con precisione. I miei amori virtuali, iniziati e finiti in un battito di ciglia. Sergei. Non mi resta nulla di lui, ma chi era (vai a fanculo Sergei). La psichiatra mi chiede perché non voglia entrare a patti con la vita, con la realtà.

Rifletto. Non lo so. Faccio questo? Non entrare a patti. E’ un problema certo. Eppur la mia vita procede, a quadri, piccoli quadri, ne termino uno, comincio un altro. Non temo o non aspetto l’ora della felicità. Felicità, cosa vuol dire sul serio? Ho solo punti interrogativi da proporvi, un mucchio di contraddizioni e mosse sbagliate. Ad ogni modo sto cambiando, perlomeno fisicamente o è solo una mia stupida proiezione. Mi guardo allo specchio e non mi riconosco. Dico a mia madre: forse sono i capelli, sono troppo neri, sono troppo lunghi. Oppure a mio figlio: sto cambiando Patrick? Lui ride. 11203070_10205548854353803_7644432167630772058_n (1)Vorrei essere cancellata da una passione. Io sono questa, la ragione di tutti i miei casini. La psichiatra spera che io rimetta a posto la mia vita, entro i cinquanta, non ne è certa. Vuole che io lo faccia. Io però sono indisciplinata. Allora per tornare a una strana pace penso a certi giorni felici, tiro fuori una foto di famiglia, della mia infanzia. Patetico, i know. La foto con i nonni. Loro mi hanno insegnato le storie, a raccontarle, ad ascoltarle. Ne chiedevo sempre, non smettevo di chiederne, di nuove, che uscissero fuori dai libri. Libri che conoscevo a memoria, malgrado ancora non sapessi leggere. Torna la strana pace. Era quello l’amore.

Advertisements

2 thoughts on “il problema sono io

  1. melaniaceccarelli

    Veronica, pensa che se tu sei il problema allora sei anche la soluzione. Crescere significa venire a patti e questo però non vuol dire automaticamente svendersi. C’è una sfida da accettare, un gioco da giocare. Gioca non stare a guardare.

    Reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s