il destino del nuovo romanzo

Aspetto che accada qualcosa. E qualcosa accade sempre. Leggeranno il nuovo romanzo, la casa editrice mi piace, tuttavia non alimento illusioni. Mi è venuto in soccorso un consulente editoriale che stimo molto, un ottimo scrittore peraltro. Ha preso il testo, lo ha proposto.  Credo che questo sia il mio romanzo “definitivo”, quello che dovevo scrivere, ancor più di Sangue di cane. Vi ho detto ne è un po’ il sequel, ma la storia si sgancia presto e illumina solo lui, il polacco. Vi ho già raccontato. Se dovessero rifiutarmi ancora una volta, la mia agente lo sa, lo pubblicherò a puntate nel mio blog. Non è una soluzione di comodo, è proprio l’idea che mancava. Dunque se dovessero rifiutarmi non ne farò una tragedia, so come agire. Le cose accadono. Come l’amore. E io devo innamorarmi sempre altrimenti muoio di noia. Ed è un mio problema: la noia. Stamane ho ricevuto una proposta fantastica, ne avevo terribilmente bisogno, ovvero un’agenzia che si occupi di me: promozione, stampa, comunicazione sui social. Ho accettato. Sono ancora incredula.

Advertisements